FOZA VÜSCHE

Antico paese di pecore e pastori

Il paese, piccolo borgo dalla storia antica, si adagia sul versante orientale dell’Altopiano dei Sette Comuni.

Il centro di Foza è posto sopra un contrafforte ai piedi del monte Meletta a 1083 metri.

Ai suoi lati, nelle due valli verdeggianti, le vecchie contrade rivelano un fascino che non ti aspetti, a partire dai toponimi cimbri che ricordano gli antichi abitanti giunti fin qui dal cuore dell’Europa.

IL CALENDARIO

eventi e appuntamenti

Settembre

Ottobre 2020

Novembre
LU
MA
ME
GI
VE
SA
DO
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
Eventi di Ottobre

1

Nessun evento
Eventi di Ottobre

2

Nessun evento
Eventi di Ottobre

3

Nessun evento
Eventi di Ottobre

4

Nessun evento
Eventi di Ottobre

5

Nessun evento
Eventi di Ottobre

6

Nessun evento
Eventi di Ottobre

7

Nessun evento
Eventi di Ottobre

8

Nessun evento
Eventi di Ottobre

9

Nessun evento
Eventi di Ottobre

10

Nessun evento
Eventi di Ottobre

11

Nessun evento
Eventi di Ottobre

12

Nessun evento
Eventi di Ottobre

13

Nessun evento
Eventi di Ottobre

14

Nessun evento
Eventi di Ottobre

15

Nessun evento
Eventi di Ottobre

16

Nessun evento
Eventi di Ottobre

17

Nessun evento
Eventi di Ottobre

18

Nessun evento
Eventi di Ottobre

19

Nessun evento
Eventi di Ottobre

20

Nessun evento
Eventi di Ottobre

21

Nessun evento
Eventi di Ottobre

22

Nessun evento
Eventi di Ottobre

23

Nessun evento
Eventi di Ottobre

25

Eventi di Ottobre

26

Nessun evento
Eventi di Ottobre

27

Nessun evento
Eventi di Ottobre

28

Nessun evento
Eventi di Ottobre

29

Nessun evento
Eventi di Ottobre

30

Nessun evento
Eventi di Ottobre

31

Nessun evento
Eventi di Novembre

1

IL TERRITORIO DI FOZA

il paese i boschi e le montagne

Dal centro di Foza, una facile passeggiata con molti scorci panoramici conduce alla chiesetta di S. Francesco. Da qui l’occhio spazia per un vastissimo raggio. A ponente lo sguardo si estende, oltre la piana dove sorgono Asiago e Gallio, fino al gruppo del Pasubio, mentre a settentrione corre dalle Melette alle Pale di San Martino, per posarsi ad oriente sul massiccio del Grappa.

IL MUSEO

il progetto di un museo “open source“ in continua trasformazione e al servizio della Comunità

Presso il museo è attivo l’Ufficio Informazioni Turistiche
0424 443641

GLI ORARI DI APERTURA DEL MUSEO

Tutte le domeniche dalle 15 alle 19
Dal 10 al 31 agosto, tutti i giorni, ore 10-12 e 15-19


E’ possibile visitare il museo anche durante gli altri giorni previo appuntamento:
per informazioni e prenotazioni Tel. 0424 443641

E’ possibile prenotare una visita guidata di gruppo chiamando le Guide Altopiano
al numero 340 7347864 o inviare una mail a info@guidealtopiano.com

L’idea del Museo di Foza è quella di un vero e proprio laboratorio aperto sul territorio e sulla sua gente. Difatti, dalla sua nascita il Museo è seguito da una commissione scientifica e storica che, in sinergia con l’Amministrazione e la comunità propone e progetta i contenuti destinati alla sua crescita e alle sue trasformazioni. La visione generale della commissione vuole che il Museo non sia un semplice contenitore di documenti e oggetti, ma sia una vera propria macchina culturale, capace di attirare, suggestionare e divulgare la conoscenza. Da qui, il progetto di un museo esperienziale, sensoriale attrezzato delle tecnologie contemporanee.

FESTE QUINQUENNALI

una ricorrenza per tutti i fozesi nel mondo

La Festa dell’Assunta è una ricorrenza religiosa molto sentita dai fozesi e da molti emigranti che per l’occasione rientrano in paese anche da oltreoceano.

Ogni 5 anni, come vuole la tradizione, tra canti e preghiere, si avvia la processione votiva che attraversa il paese, seguita dalla statua della Madonna portata a spalla dalle ragazze vestite di bianco.

IL TESORO DI FOZA

l’antica pala di Francesco da Ponte il Vecchio

La pala raffigura la Madonna in trono con bambino tra S. Benedetto a destra e S. Giovanni Evangelista a sinistra.
L’Opera, datata 1519, secondo studi recenti e raffronti, è stata attribuita a Francesco da Ponte, padre di Jacopo, detto Bassano il Vecchio e non più ai fratelli Nasocchi.
La Pala è stata restaurata nel 1836, anno del voto alla Madonna Assunta, una seconda volta, forse, durante il profugato e infine nel 1981, su indicazione delle Belle Arti di Venezia, per mano del prof. Tassello Ottorino di Bassano del Grappa.
Con la sua ricchezza di particolari, è una testimonianza religiosa, sociale, economica e politica del passato di Foza.
Interessante è lo sfondo: a destra è rappresentato il paesaggio silvo – pastorale di Foza e a sinistra, c’è la laguna di Venezia, su cui primeggia il Palazzo Ducale. Foza, infatti, fin dai suoi albori è stata legata per economia, politica e difesa, alla Serenissima.

IL DIARIO

scopri Foza dai racconti dei suoi paesani

Vüsche Öoba 2020 | il weekend dedicato alla Pecora Foza

Sabato 22 e domenica 23 agosto la comunità di Foza, Vüsche nella nostra antica lingua dei cimbri, ha dato vita al weekend dedicato alla Pecora Foza. Un appuntamento che si rinnova di anno in anno per celebrare i lavori della lana e il paese dei pastori dei Sette...

Agosto 2020 a Foza, Sette Comuni

Dalle feste della tradizione alle attività al Museo Etnografico della Comunità di Foza MECF, dal mitico raduno dei mezzi agricoli (quest'anno in edizione speciale) al weekend tutto dedicato alla Pecora Foza. Anche quest'anno Foza è tutta da scoprire, dalle feste di...

Foza in Fiore 2020

Ritorna a Foza il contest "Foza in Fiore". Rivolto a tutta la nostra piccola comunità, il concorso ha come tema la valorizzazione dei balconi, giardini e terrazze delle case del paese nella stagione estiva. Un segno di bellezza e di benvenuto rivolto anche ai nostri...

Feste Quinquennali 2021: lettera di don Federico Zago agli emigranti

Foza, 25 aprile 2020 Carissimi fodati emigrati, in questi giorni ho preso in mano la cronistoria parrocchiale e alcuni libri che raccontano della nostra comunità perché stiamo cercando più notizie possibili sull’antica Statua della Madonna che abbiamo portato in...

Foza riceve il premio “Ambasciatore Nazionale”

Si è svolto giovedì 16 Gennaio 2020, nella prestigiosa Sala Koch di Palazzo Madama , sede del Senato della Repubblica Italiana , la cerimonia ufficiale per la consegna del Premio 100 Ambasciatori Nazionali. Il Premio 100 Ambasciatori Nazionali è dedicato a Comuni e...

La Befana a Foza e il tradizionale falò in Contrada Lazzaretti

Lunedì 6 gennaio 2020 in Contrada Lazzaretti è stato acceso il tradizionale falò, usanza tipica di moltissime comunità rurali e che una volta coinvolgeva un po' tutte le contrade del paese al termine dell'anno. Un piccolo grande appuntamento che da quest'anno ha...

Foza novembre/dicembre 2019 – la mostra: Boscaioli ieri e oggi

Al MECF, il Museo Etnografico della Comunità di Foza, la mostra dedicata agli strumenti e ai lavori nel bosco.Sull'Altopiano dei Sette Comuni, come spesso nelle comunità di montagna, i boschi rappresentano un importantissimo bene collettivo da preservare.La mostra ci...

Foza 6 agosto 2017 “Femo ‘na mea de fen in piassa” – foto di Cecilia Rigoni

Fino a non molti anni fa le "mee de fen" disegnavano il paesaggio dei pascoli dell'Altopiano dei Sette Comuni. Quest'anno, in occasione dell'11° "Raduno dei Mezzi Agricoli e Forestali" la Comunità di Foza ritrova nella sua nuova piazza un piccolo grande omaggio  alla...

Foza 27 maggio 2017 – Il passaggio del Giro d’Italia

Le immagini raccolte da Maria Rossi nella giornata del passaggio della ventesima tappa del Giro d'Italia, sabato 27 maggio 2017

Foza e la ventesima tappa del Giro d’Italia sul Corriere del Veneto

Il tappone. Il versante del Grappa è il più duro, 24 km infiniti. Foza è spettacolare, poi la planata verso Asiago

LE TESTIMONIANZE

cosa pensano di Foza i suoi paesani

… la città sarebbe bella, ma bisognerebbe anche nascerci in città, saremmo come pesci fuori dall’acqua, qui viviamo come i caprioli … i caprioli vanno , vengono …
IVANA CONTRI

Contrada Ciepar

… È un bel divertimento aggirare un paese come Foza tutto allineato su un crinale, proprio nel momento in cui spunta il sole. Le case s’indorano e luccicano lì in alto; ci si sente liberi di fare quello che si vuole, l’itinerario si fa come giocando, uno può dire: passo sotto Foza, punto verso sud, fino al primo spacco grande, e quella sarà certamente la val Frenzela …
LUIGI MENEGHELLO

tratto da "I piccoli maestri"

… qua siamo in paradiso… il mio sogno è quello che i ragazzi dell’Altopiano e di Foza in particolare avessero la possibilità di vivere e di avere lavoro qua …
MARINO CHIOMENTO

Contrada Labental

Pin It on Pinterest